Visualizzazioni totali

Conoscere...

Urbex at Info! E' il blog di Elvira Macchiavelli dedicato ai luoghi abbandonati italiani. Visitate anche i link: www.esplorazioniurbane.it , Where Elvi production e Uzbazur su YouTube e Facebook.

Esplora il blog

Google+ Badge

sabato 29 giugno 2013

Quando il turismo cessa di esistere. Colonia Montana I.



Non so perché ma la sorte di questa colonia montana potrebbe essere il triste monito per molte strutture turistiche e ricreative che sotto il peso di questa crisi sono destinate a chiudere.
La colonia I. è un enorme cubo di cemento, in via di essere divorato dal muschio e dall’umido. I piani superiori, in particolare alcune stanze (come gli uffici, una sala dei giochi) sono sopraffatte da un fetore di chiuso e di cantina che…
Gli ampi dormitori ancora con gli arredi, i disegni dei bambini e le loro divise ancora stipate in ordine negli armadi dello scantinato fanno pensare ad una fuga, ad una evacuazione di anime eseguita in ordine e in silenzio. Chiusa nel 1997 e tutt’ora in uno stato di visibile abbandono, la colonia montana chiuse ‘a causa del commissariamento dell’istituto  dei postelegrafonici proprietario e gestore’ nel solito momento in cui una struttura annessa alla colonia, l’albergo A. (inattivo dal 1992), ha dovuto chiudere i battenti causa crisi.  Le strutture davano lavoro, anche se solo stagionale, a molte persone, e ospitava moltissimi bambini, in tutto le sue stanze sono 120. Agli ultimi piani abbiamo trovato l’infermeria, ancora con i flaconi di MOM contro i parassiti e pidocchi, la stanza della quarantena. Negli scantinati le tute e le divise dei bambini, i tutù per i saggi e le scarpette da ballo. Inutile raccontarvi delle moltitudini di fotografie sparse per tutti gli uffici…
Nel 2009 è stato avanzato un piano di recupero che doveva prevedere la riconversione della colonia in un campus universitario affiancato dall’università di Firenze ma niente è stato ancora azzardato. I tempi che corrono poi non aiutano a pensare ad un futuro per questo cubo di cemento abbandonato in una foresta di alberi e di nuvole.

                                                   Elvira Macchiavelli

Nessun commento:

Posta un commento