Visualizzazioni totali

Conoscere...

Urbex at Info! E' il blog di Elvira Macchiavelli dedicato ai luoghi abbandonati italiani. Visitate anche i link: www.esplorazioniurbane.it , Where Elvi production e Uzbazur su YouTube e Facebook.

Esplora il blog

Google+ Badge

giovedì 11 aprile 2013

La Cartiera incantata



Non ha certo bisogno di tante presentazioni la cartiera incantata, un luogo singolare che è rimasto, fatto sempre più raro, adesso come allora.
La Cartiera N. è una delle 67 cartiere più antiche di tutta quella via della carta, stretta e tortuosa che si dipana lungo l’argine di un fresco fiume di montagna. Per un attimo sembre di essere in Inghilterra.

Gli anni di questo luogo sono molti, si pensa circa 200. Gli anni del suo abbandono risalgono a metà degli anni 80 circa quando, in seguito alla morte di Quintilio N., l’azienda chiuse. Non sono stati motivi economici o finanziari a far chiudere i battenti della cartiera, ma motivi generazionali: i figli Nardi non volevano proseguire l’attività di famiglia in quanto la vita di montagna era poco stimolante così ecco l’arrivo dell’ultimo proprietario: l’abbandono.
Alla Cartiera lavoravano 14-15 donne presso gli essiccatoi (un tripudio di corde legate negli alti stanzoni dove la carta veniva sistemata ad asciugare foto a lato), al piano terra, alle macine, bastavano due uomini per attivare gli ingranaggi. La carta veniva inviata alle operaie tramite degli ‘ascensori’, uno esterno e l’altro esterno (tutt’ora visibili). Alla cartiera si abitava anche: infatti nei suoi alloggi potevano stare tre famiglie.

Il 16 gennaio 2013 è stato presentato ‘presso la sede di Lucense, società pubblico privata che opera nei settori della ricerca industriale, dello sviluppo sperimentale e del trasferimento tecnologico, il progetto La via della carta in Toscana.’ Sarà infatti anche la cartiera incantata (foto a lato) una delle mete dell’itinerario turistico culturale incentrato sul tema della carta. Tre milioni di euro, sono stati intanto stanziati per avviare i lavori di recupero di gran parte dell’area.

                                Elvira Macchiavelli

Click here for the video!

2 commenti:

  1. complimenti...bellissimo blog...i luoghi abbandonati mi hanno sempre affascinato...in particolare alla cartiera nardi ci ho lasciato il cuore...l'ho frequentata per mesi e mesi perchè è stata l'argomento della mia tesi di laurea di architettura :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per il commento e l'interesse Marco!

      Elimina