Visualizzazioni totali

Conoscere...

Urbex at Info! E' il blog di Elvira Macchiavelli dedicato ai luoghi abbandonati italiani. Visitate anche i link: www.esplorazioniurbane.it , Where Elvi production e Uzbazur su YouTube e Facebook.

Esplora il blog

Google+ Badge

domenica 11 agosto 2013

Villa Musa




Ammetto che spesso mi trovo in difficoltà a narrare la storia di determinati luoghi. Tuttavia il motto ‘perché nulla venga perduto’ mi rianima subito e motiva ad andare avanti…seppur con qualche accorgimento.


Villa Musa, così ho deciso di ribattezzare in via personale questo luogo magico. Edificata nel XVI secolo è stata a lungo dimora di feste e cerimonie presiedute dai Cardinali della casa ducale del paese.
Verso la fine del XVI secolo e gli inizi del XVII un nobile genovese costruisce su un colle una dimora esclusiva, adibita a svago e a banchetti. L’ampio parco con i suoi viali, ora boschi incolti, i portici maestosi ora perduti, impressionarono persino il principe Carlo I Cybo-Malaspina che nel 1637 acquistò la residenza. L’architetto di questa singolare e affascinante struttura, che si manterrà fino al XIX secolo è Alessandro B. Lo sfarzo manifestato e i debiti sempre più incombenti fanno precipitare la villa e la casata dei Malaspina in un periodo buio tanto da cercare di vendere lo stato alla corona inglese. Nel 1721 per rimediare ai troppi debiti, gran parte delle statue che ornavano il loggiato sono state vendute al Vaticano e in parte ad emissari dello zar di Russia. Dopo questo sfacelo la villa venne abbandonata e sfruttata solo per le sue colture arboree e come casa di ‘campagna’. Dopo questa data la Villa è stata occupata dal colonnello inglese W. per sei anni con la clausola di restaurare gran parte della villa. I proprietari si susseguono velocemente: da un architetto ducale al conte M., nel 1797 vengono costruite le stalle, la rimessa per le carrozze e gli alloggi per i contadini. La volta del restauro è datata 1828 mentre la Villa viene definitivamente affidata alla nobildonna G.T. nel 1844. Le informazioni reperibili su questo luogo si interrompono agli anni Sessanta, quando alcune stanze della Villa furono affittate ad uno sculture e ad un pittore.
Non mi sorprende che ad oggi la Villa sia dominata dall’incuria: una ricevuta del ‘54 segnala che i proprietari spesero 40.000 Lire solo di alberi e fiori per adornare il parco. Inoltre dal ’53 ad anno ancora da definire la dimora signorile è stata adibita, pare, a pensione-albergo.  
Considero questo luogo un nuovo mondo palpitante di empatia e ricco di sapere  la cui chiave di accesso è dispersa nei labirintici giardini, tra i gradini nascosti, e nelle lettere sigillate con cera lacca vermiglia.


Elvira Macchiavelli

2 commenti:

  1. Bella! Ma dov'è di preciso? Poi ho notato che metti solo le iniziali...dopo tanti anni (secoli, in alcuni casi) penso che i nomi delle famiglie originarie si possano scrivere. Ciao, Arianna

    RispondiElimina
  2. Ciao Arianna scusa se ti rispondo solo adesso. Non scrivo il nome delle location perchè purtroppo non vanno solo fotografi o appassionati in questi luoghi, ma anche vandali o persone che non hanno il solito rispetto o interesse per questi mondi in decadenza. Il motivo è questo. E' una tutela di un patrimonio che già sta andando perduto.

    RispondiElimina